Close

IL MICIO EREMITA
Formentera, la storia curiosa di “Negrin”, il gatto che fa il guardiano del faro a Cap Barbaria: “Vive solo e isolato, ma è lui a volere così”

L’Associazione "Francisco Formentera", che si occupa degli animali senza padrone dell'isla, si prende cura di lui portandogli cibo e acqua. Negrin non vuole andarsene da lì.

FORMENTERA (21 aprile 2022) – Il guardiano del faro di Cap Barbaria ha quattro zampe ed è molto affettuoso. Fa le fusa. E’ di colore nero e bianco. Si chiama Negrin. La sua storia è di quelle “alla Formentera“, come si suol dire all’isla. Qui, infatti, di racconti affascinanti, insoliti e curiosi ve ne sono davvero tanti. E a volte i protagonisti sono gatti, come appunto Negrin.

Il coccoloso micio – che ora avrà circa tre anni e mezzo – è stato visto per la prima volta vicino al faro quando era nato presubilmente da poche settimane. Qualcuno negli anni lo ha preso con sè, ma lui ha sempre fatto ritorno vicino al faro. E da questo luogo suggestivo, isolato, silenzioso e incontaminato non ha mai voluto andarsene, nonostante i vari tentativi di adozione.

Negrin al faro: foto scattata il 29 dicembre 2021

E così adesso – per evitare che qualcuno lo prenda per portarselo a casa pensando di fargli del bene – è stato adagiato un cartello con vergata la scritta: “Sono un gatto bianco e nero. Mi chiamo “Negrin”. Non sono abbandonato. Sono io a voler vivere  vicino al faro di Cap Barbaria. “L’Acción Francisco Formentera”, che si occupa degli animali senza padrone, si prende cura di me.  Se vuoi collaborare comprami del cibo umido, ma non portarmi via da qui. Grazie».

Il cartello di legno sul quale è scritto che Negrin vuole rimanere al faro
La grotta vicino al faro funge da riparo per Negrin

 

Il cartello di legno campeggia su uno dei paletti che delimitano la zona di accesso alla grotta di Cap de Barbaria poco distante dall’omonimo faro, una delle attrazioni turistiche più gettonate dell’isola.
Negrin: 29 dicembre 2021
Foto presa da facebook
L’associazione “Francisco Formenyera” ha appunto tentato inizialmente di farlo adottare, di dargli una casa, ma lui non è mai stato della stessa idea: «Quando è stato adottato non era felice – ha detto la presidente Maria Rosa -. Non mangiava e manifestava tutta la sua tristezza. Così lo abbiamo riportarto al faro, che per lui è la sua casa. Non si potrebbe lasciarlo lì perché è un’area protetta, ma alla fine, in via eccezionale e dimostrando sensibilità verso l’insolito caso di questo dolcissimo gatto che ama vivere come una sorta di eremita, le autorità ci hanno dato il permesso”.
Negrin: 29 dicembre 2021
E come avviene spesso in questi casi, è nata anche una leggenda. C’è chi sostiene, infatti, che Negrin sia la reincarnazione dello spirito di un uomo che per decenni fu il guardiano del faro di Cap Barbaria. Un faro che si erge maestoso su un promontorio, impervio, brullo e roccioso, a 65 metri sul livello del mare.
Una zona bellissima da vedere con tramonti mozzafiato ma impossibile da viverci, tranne appunto per Negrin. “È veramente un gatto incredibile – aggiunge Maria Rosa -.  Dona amore a tutte le persone che arrivano per visitare il faro. È molto coccoloso. Io amo tutti i gatti di Formentera, ma lui credetemi è davvero unico e speciale.                                                                                                                           
Noi ci occupiamo di portargli cibo, acqua e copertine. Per essere più sicuri mettiamo tutto dentro la grotta naturale che si trova nelle immediate vicinanze del faro, perché così ha un riparo quando piove”. Si tratta di una spaccatura nella roccia. Ed è appunto questa piccola cavità a fungere da “casa” per Negrin, il gatto eremita, conosciuto da residenti e turisti come il “guardiano del faro“.
scroll to top